Home » CCIAA Maremma e Tirreno » Servizi » Sovraindebitamento
Sovraindebitamento

La Camera di Commercio della Maremma e del Tirreno è stata riconosciuta quale Organismo per la Composizione delle Crisi da sovraindebitamento e per la liquidazione del patrimonio ed è iscritta al n. 51 nella sezione A del Registro istituito presso il Ministero della Giustizia ai sensi dell'art. 4 del D.M. 202 del 24/09/2014.


Informazioni generali

La recente normativa individuata nella Legge 27/01/2012, n. 3 e relativo regolamento di attuazione D.M. 202/2014, intervenuta in un ampio e inedito settore della c.d. “insolvenza civile”, permette ai soggetti sovraindebitati, che non possono utilizzare le ordinarie procedure concorsuali, e che quindi sono  esposti alle azioni esecutive promosse individualmente dai Creditori, di risolvere le crisi da sovraindebitamento e cercare di ottenere l’esdebitazione.

Cosa si intende per sovraindebitamento?

E’ definito dalla legge 3/2012, quale presupposto oggettivo che legittima il ricorso alla procedura di composizione della crisi, come "una situazione di perdurante squilibrio tra le obbligazioni assunte e il patrimonio prontamente liquidabile per farvi fronte, che determina la rilevante difficoltà di adempiere le proprie obbligazioni, ovvero la definitiva incapacità di adempierle regolarmente".

Adesso, quindi, rinegoziare i propri debiti è possibile

Consumatori, imprenditori non fallibili, start-up innovative, enti privati non commerciali, soggetti non fallibili (ad esempio associazioni professionali, studi professionali ecc.) possono rivolgersi, nel caso si trovino ad avere un eccesso di debiti, per esempio con Istituti bancari, Finanziarie, Agenzia delle Entrate, ecc., all'Organismo di composizione della crisi della Camera di Commercio della Maremma e del Tirreno e proporre ai creditori, un piano oppure un accordo di ristrutturazione dei debiti con un programma di rientro dei debiti nel tempo secondo le reali possibilità dei soggetti.


Chi può accedere al servizio

Possono accedere alla procedura i debitori che si trovano in una situazione di sovraindebitamento, che non hanno già utilizzato nell’ultimo quinquennio un procedimento previsto dalla legge n. 3/2012 e che non sono assoggettabili alle procedure concorsuali previste dalla Legge fallimentare (R.D. n. 267/1942), vale a dire:

  • gli imprenditori commerciali sotto la soglia dei requisiti dimensionali di fallibilità di cui all’art. 1 L.F.

a) attivo patrimoniale complessivo annuo non superiore a € 300.000;
b) ricavi lordi complessivi annui non superiori a € 200.000;
c) debiti di ammontare non superiore a € 500.000, compresi i debiti non scaduti e quelli non definitivamente accertati con efficacia di giudicato;

  • i debitori civili, cioè coloro che non svolgono attività di impresa (ad es. professionisti, artisti, altri lavoratori autonomi, associazioni professionali, società tra professionisti);
  • gli imprenditori agricoli;
  • gli enti privati non commerciali (associazioni riconosciute e non, comitati, fondazioni, associazioni di volontariato, associazioni sportive dilettantistiche, ONG, ONLUS, Start Up innovative, ecc);
  • i consumatori: trattasi in questo caso di persone fisiche che hanno assunto contrattualmente dei debiti per scopi estranei all’attività imprenditoriale o professionale eventualmente svolta.


Come funziona la procedura

Il Debitore, con l’assistenza di un Gestore designato dall’Organismo di Composizione delle Crisi e di un Legale di fiducia, sotto il controllo del Tribunale - può alternativamente:

a) formulare un Accordo di Ristrutturazione dei debiti ovvero una proposta di accordo con i Creditori che si reputa raggiunto con il consenso dei Creditori che rappresentano almeno il 60% dei crediti;
b) chiedere la liquidazione del patrimonio;
c) proporre – solo se riveste la qualifica di Consumatore – un piano di ristrutturazione dei debiti.

L’omologazione dell’accordo o del piano produce effetti esdebitatori, ovvero di liberazione dei debiti, rispetto a tutti i crediti anteriori alla pubblicità della proposta di accordo o del piano (ad esempio, ai sensi dell’art. 10, comma 2, della Legge n. 3/2012, sul sito www.procedure.it, sul sito internet del Tribunale di Livorno o di Grosseto, e nel caso di imprenditore commerciale anche nel Registro delle Imprese); i beni oggetto della proposta o del piano costituiscono un patrimonio destinato e sono sottratti a esecuzioni per crediti posteriori alla suddetta pubblicità. Il procedimento si svolge sotto il controllo del tribunale monocratico competente.


Cos’è e quali sono le funzioni dell’OCC

L’Organismo di Composizione delle Crisi della Camera di Commercio della Maremma e del Tirreno è un organismo imparziale e indipendente al quale ciascun debitore, tra quelli legittimati, può rivolgersi al fine far fronte all'esposizione debitoria con i propri creditori.

L'OCC in collaborazione con l’Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Livorno, riceve le domande di avvio del procedimento e, valutato il rispetto dei presupposti normativi, nomina un professionista ("Gestore della crisi") che, a seguito di esame della documentazione prodotta, assisterà il debitore nella ristrutturazione dei debiti e conseguente soddisfazione dei crediti.  Il procedimento si potrà concludere, quindi, con un accordo di composizione della crisi, un piano del consumatore o con la liquidazione del patrimonio del debitore.

La Giunta Camerale con delibera n. 11 del 10 gennaio 2020 ha approvato il Disciplinare per i Gestori e per le procedure di composizione delle crisi da sovraindebitamento. L’esigenza di predisporre un disciplinare è sorta dalla necessità, maturata nell’ambito del Sistema Camerale, di definire e dettagliare alcuni aspetti procedurali e organizzativi risultanti dalla normativa vigente, dal regolamento camerale e dalle tariffe per il servizio, nel rispetto dei principi di buon andamento, trasparenza e imparzialità dell’azione amministrativa e tenendo conto anche di quanto emerso nell’ambito delle prassi dei Tribunali di Livorno e Grosseto. Lo scopo di questo disciplinare è quindi quello di offrire un indirizzo operativo per tutti gli aspetti non contemplati o non sufficientemente disciplinati dalla normativa vigente e dal Regolamento camerale di funzionamento dell’OCC, sia per quanto riguarda le modalità di svolgimento delle procedure sia per quanto riguarda la gestione dei compensi dovuti all’Organismo nelle diverse fasi istruttorie.

Disciplinare per i Gestori e per le procedure di composizione delle crisi da sovraindebitamento (file PDF)

Regolamento dell’OCC della Camera di Commercio della Maremma e del Tirreno (file PDF)

Elenco incarichi assegnati dal Referente ai Gestori nell'anno 2017 (file PDF)

Elenco incarichi assegnati dal Referente ai Gestori nell'anno 2018 (file PDF)

Elenco incarichi assegnati dal Referente ai Gestori nell'anno 2019 (file PDF)


Come avviare la procedura

Per avviare una delle tre procedure previste, a seguito di un eventuale incontro preliminare presso un Centro di Ascolto organizzato a cura dell’Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili nella loro sede di Livorno, Largo Strozzi n. 1 (su appuntamento Tel. 0586/828970), occorre presentare, utilizzando l’apposito modulo, una istanza con marca da bollo da € 16,00, allegando un documento d’identità di validità e l’attestazione di versamento di € 200,00 oltre Iva, quale acconto forfetario sui costi della procedura, con l’impegno a fornire nel corso della procedura tutta la documentazione che consenta di ricostruire compiutamente la situazione economica e patrimoniale (la legge prevede sanzioni penali per la rappresentazione di una situazione patrimoniale ed economica non corrispondente al vero).
Dal 28 marzo 2017 sono operativi i centri di ascolto organizzati in convenzione con la Fondazione Toscana per la Prevenzione dell’Usura presso i seguenti comuni:
- Castagneto Carducci c/o Confraternita della Misericordia in Via Umberto, 1°
- Livorno c/o Arciconfraternita della Misericordia in Via Verdi, 65
- Portoferraio c/o Arciconfraternita di Misericordia in Via Carducci, 68
- San Vincenzo c/o Confraternita di Misericordia in Via San Francesco, 8

Il 13 aprile 2017 è stato aperto un centro di ascolto per l’assistenza alla procedure di sovra indebitamento presso il Comune di Cecina in collaborazione con il Comune stesso e con l’Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Livorno (per appuntamenti chiamare Comune amico di Cecina telefono 0586/611227 oppure 800261040, quest’ultimo solo da numero fisso).

L’UFFICIO CAMERALE che gestisce l’Organismo di Composizione delle Crisi da sovraindebitamento riceve SOLO SU APPUNTAMENTO: sede di Livorno tel. 0586 231.308-257 • sede di Grosseto tel. 0564 430.281-275 E-mail occ@lg.camcom.it.


MODULISTICA

Istanza ai fini dell’accesso alle procedure da sovraindebitamento - Persone fisiche/Consumatori/Professionisti/Lavoratori autonomi/Imprenditori sottosoglia cessati (file PDF - file DOC)

Istanza congiunta ai fini dell’accesso alle  procedure da sovraindebitamento - Persone fisiche/Consumatori (file PDF - file DOC)

Istanza ai fini dell’accesso alle  procedure da sovraindebitamento - Imprese attive sottosoglia (file PDF - file DOC)

Informativa privacy ex art. 13 del Regolamento UE 2016/679 (file PDF)


Costi della procedura

Il compenso all’OCC è determinato ai sensi degli artt. 14 ss. del D.M. 202/2014 dal Regolamento Camerale dell’OCC in particolare dall’art. 11 e dall’Allegato A del predetto regolamento.

Il Gestore incaricato dall’Organismo, non appena in possesso di tutti i dati forniti dal Debitore, deve fornire, un preventivo di massima, approvato dal Responsabile dell’Organismo, del costo del procedimento.
 

Scarica la brochure illustrativa del servizio (file PDF)


Referente dell’Organismo

Dr. Michele Lombardi


Struttura Competente

Servizio di Regolazione del Mercato e Tutela del Consumatore: Dirigente Dr. Michele Lombardi
E-mail: occ@lg.camcom.it
PEC: cameradicommercio@pec.lg.camcom.it
Responsabile dell’OCC e del Procedimento Amministrativo: Dr. Alessandro Bartoli, 0586 231257

Segreteria per appuntamenti

Sede di Livorno: Chiara Perri, 0586 231308

Sede di Grosseto: Giada Magnaschi, 0564 430275 - Sara Polidori, 0564 430281


 

Ultima modifica: martedì 03 novembre 2020

Condividi

Valuta questo sito

Camera di Commercio della Maremma e del Tirreno
Linee guida di design per i servizi web della PA

CAMERA DI COMMERCIO DELLA MAREMMA E TIRRENO

CONTATTI IN EMERGENZA COVID-19

Sono attivi i seguenti numeri telefonici dedicati alle informazioni su accesso ai servizi e contatti e-mail degli uffici:

0564 430224 su Grosseto
- da lunedì a venerdì dalle ore 8.30 alle 13

0586 231270 su Livorno
- da lunedì a venerdì dalle ore 8.30 alle 13

0586 231242 su Livorno
- da lunedì a venerdì dalle ore 9.30 alle 12


SEDE DI LIVORNO - Piazza del Municipio, 48
Centralino: 0586 231.111

SEDE DI GROSSETO - Via F.lli Cairoli, 10
Centralino: 0564 430.111

Pec: cameradicommercio@pec.lg.camcom.it

ORARIO AL PUBBLICO

Codice fiscale e Partita Iva: 01838690491

Codice univoco fatturazione elettronica: UFN1JE

Pagamenti con PagoPA

Il portale della Camera di Commercio della Maremma e del Tirreno è un progetto realizzato da ISWEB S.p.A. con la piattaforma eCCIAA