Home » CCIAA Maremma e Tirreno » Servizi » Alternanza scuola-lavoro
Alternanza scuola-lavoro
 

Bando per la concessione di contributi a favore degli Istituti scolastici superiori per la realizzazione di Percorsi per le Competenze Trasversali e per l’Orientamento (PCTO) ed altre iniziative correlate - Anno 2019

Scadenza: le domande di partecipazione complete di rendicontazione potranno essere presentate entro e non oltre il 6 dicembre

Leggi il testo del bando e scarica la modulistica

______
Data di pubblicazione: 17/10/2019

 

BANDO A FAVORE DELLE IMPRESE/SOGGETTI REA PER LA REALIZZAZIONE DI PERCORSI PER LE COMPETENZE TRASVERSALI E PER L’ORIENTAMENTO - ANNO 2019: le richieste di contributo dovranno essere presentate entro il 15/11/2019.
Leggi il testo del bando e scarica la documentazione

 

L'alternanza scuola lavoro è stata introdotta, per la prima volta, nel sistema educativo italiano con l'articolo 4 della Legge 28 marzo 2003, n.53 , prevedendo la possibilità per i giovani dai 15 ai 18 anni di realizzare il percorso formativo anche "attraverso l'alternanza di periodi di studio e di lavoro, sotto la responsabilità dell'istituzione scolastica, sulla base di convenzioni con imprese o con le rispettive associazioni di rappresentanza o con le camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura, o con enti, pubblici e privati, inclusi quelli del terzo settore, disponibili ad accogliere gli studenti per periodi di tirocinio che non costituiscono rapporto individuale di lavoro."
Dopo alcuni interventi normativi succedutisi nel tempo, la Legge 13 luglio 2015, n. 107 “Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione e delega per il riordino delle disposizioni legislative vigenti” ("La Buona Scuola"), ha potenziato significativamente l'alternanza scuola-lavoro, inserendo organicamente questa strategia didattica nell’offerta formativa di tutti gli indirizzi di studio della scuola secondaria di secondo grado come parte integrante dei percorsi di istruzione (ex commi dal 33 al 43 dell'articolo 1):

  • "......percorsi obbligatori nel secondo biennio e nell'ultimo anno della scuola secondaria di secondo grado a partire dall'anno scolastico 2015/2016, indicando la durata complessiva di almeno 400 ore per gli istituiti tecnici e professionali e di almeno 200 ore per i licei";
  • "....istituisce il Registro nazionale per l'alternanza scuola-lavoro, a cui si devono iscrivere le imprese e gli enti pubblici e privati disponibili ad accogliere studenti."


L'alternanza scuola-lavoro diventa così una strategia educativa dove l'impresa e l'ente pubblico o privato sono invitati ad assumere un ruolo complementare all'aula e al laboratorio scolastico nel percorso di istruzione degli studenti in modo da contribuire alla realizzazione di un collegamento organico tra istituzioni scolastiche e formative e il mondo del lavoro.
Quella metodologia didattica che le istituzioni scolastiche avevano il compito di attivare in risposta ad una domanda individuale di formazione da parte dell’allievo, ora si innesta all’interno del curricolo scolastico e diventa componente strutturale della formazione “al fine di incrementare le opportunità di lavoro e le capacità di orientamento degli studenti”.

In altre parole, l'alternanza scuola-lavoro rappresenta una nuova modalità di collegamento della scuola con il lavoro, attraverso:

  • la realizzazione di percorsi progettati, attuati, verificati e valutati, sotto la responsabilità dell'istituzione scolastica o formativa;
  • sulla base di apposite convenzioni con le imprese, o con le rispettive associazioni di rappresentanza, o con le camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura, o con gli enti pubblici e privati, ivi inclusi quelli del terzo settore;
  • disponibili ad accogliere gli studenti per periodi di apprendimento in situazione lavorativa, che non costituiscono rapporto individuale di lavoro art.4 D.Lgs. 15 aprile 2005, n. 77 

CONTATTI

Sede di Livorno:

Marina Paino - 0586/231290, marina.paino@lg.camcom.it

Michela Cappelli - 0586/231319, michela.cappelli@lg.camcom.it

Sede di Grosseto:

Luca Bilotti: 0564/430212, luca.bilotti@lg.camcom.it

Michela Stasio: 0564/430202, michela.stasio@lg.camcom.it

Ultima modifica: giovedì 17 ottobre 2019

Condividi

Valuta questo sito

Camera di Commercio della Maremma e del Tirreno
Linee guida di design per i servizi web della PA

CAMERA DI COMMERCIO DELLA MAREMMA E TIRRENO

SEDE DI LIVORNO - Piazza del Municipio, 48
Centralino: 0586 231.111

SEDE DI GROSSETO - Via F.lli Cairoli, 10
Centralino: 0564 430.111

Pec: cameradicommercio@pec.lg.camcom.it

ORARIO AL PUBBLICO
08:45-12:45 dal lunedì al venerdì
15:15-16:45 martedì e giovedì


SPORTELLO DIRITTO ANNUALE
08:45-12:45 dal lunedì al venerdì

REGISTRAZIONE MARCHI E BREVETTI
Solo su appuntamento
09:00-12:00 dal lunedì al venerdì
Sede di Livorno tel. 0586 231.281-289-291
Sede di Grosseto tel. 0564 430.236
E-mail marchibrevetti@lg.camcom.it

UFFICIO CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO
Solo su appuntamento
Sede di Livorno tel. 0586 231.308-257
Sede di Grosseto tel. 0564 430.281-275
E-mail occ@lg.camcom.it

SEDE DI LIVORNO
Orario distribuzione tagliandi sportelli al  pubblico
08:30-12:30 - 15:00-16:30

SEDE DI GROSSETO
Orario al pubblico uffici/servizi:
protesti
ambiente
vidimazione registri e formulari rifiuti

informazioni per marchi e brevetti
08:45-12:45 dal lunedì al venerdì

Codice fiscale e Partita Iva: 01838690491

Codice univoco fatturazione elettronica: UFN1JE

Conto Corrente Postale
Numero Conto: 001033828730
IBAN: IT22C0760113900001033828730

Conto Corrente Bancario
IBAN: IT98 C030 6913 9991 0000 0046 015 (BIC: BCITITMM)

Il portale della Camera di Commercio della Maremma e del Tirreno è un progetto realizzato da ISWEB S.p.A. con la piattaforma eCCIAA